Iscriviti alla newsletter

Ricerca nel sito

Covid-19 – Richieste per lo sport

Preg.mi On. Spadafora e dott. Malagò,

le Polisportive Giovanili Salesiane, Ente di promozione sportiva riconosciuto dal CONI, operano da oltre 50 anni sul territorio nazionale, in particolare in aree impegnative sul piano dell’emarginazione giovanile, come quelle delle periferie urbane.

ConsiderandoVi i Ns. interlocutori istituzionali ed alla luce delle riflessioni emerse nelle conclusioni degli organismi direttivi del CONI, siamo qui a sottoporre alcune considerazioni, che riteniamo essenziali in questa fase drammatica per tutto il Paese.

In seno alle nostre associazioni sportive dilettantistiche lavorano e collaborano migliaia di tecnici, collaboratori e dirigenti impegnati sia sul piano professionale che donando il loro tempo libero sul piano volontario.

Tali associazioni e gli operatori citati, come altre realtà del Paese, sono oggi duramente colpite dalla diffusione del covid-19. Le attività associative sono ovviamente ferme a tutti i livelli, con gravi danni per la continuità del servizio svolto sul territorio nonchè a livello nazionale dall’Ente. Tutti stanno comunque collaborando con grande senso di responsabilità ed impegno civico nel rispetto assoluto dei provvedimenti assunti dal Governo e dalle Regioni.

Sarà però fondamentale che anche lo Sport Dilettantistico – comparto significativo del Terzo Settore – possa accedere quanto prima alle forme di solidarietà e di sostegno al reddito, che saranno indicate dal Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per tutti i collaboratori: qualcuno con rapporto subordinato da CCNL, mentre per la stragrande maggioranza dei casi in regime di L.289/02 art. 90, situazione che rappresenta l’anello debole della filiera professionale dello sport anche per l’irrisolta questione della configurazione del lavoro sportivo. A questi oneri si aggiungono le condizioni delle gestioni amministrative delle associazioni assoggettate ai contratti di concessione degli impianti, ai bandi per le attività e i progetti svolti a favore del territorio, che nel tempo non sono state adeguate alle mutate condizioni del mercato del lavoro e delle condizioni sociali.

Ci rendiamo responsabilmente conto di quanto stia accadendo nel Paese e comprendiamo quali sono le priorità che le Istituzioni centrali e locali dovranno sostenere per uscire da questa insostenibile situazione di emergenza.

Chiediamo nel contempo di considerare con attenzione quanto rappresenta lo sport di base per la coesione sociale, per la funzione educativa nei confronti delle giovani generazioni, per la vita delle nostre periferie.

Tanti sono gli esempi positivi che le Associazioni aderenti al nostro Ente di Promozione Sportiva promuovono in collaborazione con gli Enti Locali, con il mondo del volontariato, dell’assistenza e dell’inclusione sociale.

Pertanto la tenuta di questa forma di associazionismo e dei suoi collaboratori è da considerare una condizione fondamentale per il welfare del sistema Paese, anche in funzione di una ripresa dei rapporti sociali, successiva a questa pesante emergenza.

Pertanto, anche alla luce dei contenuti dei decreti approvati sino ad ora dal Governo e dai provvedimenti delle Regioni, le Polisportive Giovanili Salesiane invitano a prendere in considerazione, per quanto di quanto Vs. competenza ed interlocuzione governativa per gli altri temi, di considerare anche le seguenti misure di sostegno sul piano economico ed organizzativo, alcune di esse già saggiamente contemplate nei provvedimenti governativi:

–    il rafforzamento una tantum delle misure di dotazione dei fondi previsti dal Dgls 117/2017 (Codice del Terzo Settore) con l’estensione dei termini per la presentazione di progetti presentati dalle Associazioni con configurazione specifica del Terzo Settore;

–    Il differimento della scadenza per l’adeguamento degli Statuti ai contenuti del sopracitato DGLS 117/2017, ad oggi previsto per il 30/06/2020;

–    lo spostamento dei termini di rendicontazione dei progetti assegnati sulla base di leggi nazionali e regionali;

–    la previsione di sospensione del pagamento di rate di mutuo (comprensive di quelle dell’Istituto del Credito Sportivo), canoni di concessioni erogati ad enti della pubblica amministrazione per l’uso di immobili/spazi, IMU, TARSU, corrispettivi per utenze di energia elettrica, gas, acqua, scadenti dal giorno 10 marzo 2020; il pagamento in unica soluzione, senza sanzioni ed interessi, alla data del 30 settembre 2020 per le utenze, del 31 dicembre 2020 per le ulteriori esposizioni; definire adeguate forme di sostegno, riguardo ai canoni di affitto per gli impianti sportivi di proprietà privata;

–    l’istituzione di un fondo di garanzia per l’accesso al credito;

–    l’estensione dell’assegno ordinario di cui al comma 1 dell’art. 13 del decreto legge 2 marzo 2020 n. 9 anche ai lavoratori dipendenti presso datori di lavoro che occupano mediamente meno di 5 dipendenti, inclusi gli operatori a collaborazione coordinata e continuativa delle associazioni sportive e di promozione sociale;

–    l’applicazione della cassa integrazione in deroga per le situazioni diverse da quelle ordinariamente previste; l’estensione a tutto il territorio nazionale delle ulteriori misure previste dal d.l. n. 9 del 2 marzo 2020, con rimodulazione dei termini prevedendo adeguato differimento alla luce della grave situazione;

–    l’autorizzazione a svolgere le attività correlate ai fondi 5X1000 annualità 2017 entro il 30 settembre 2020.

Considerando l’impegno e la tempestività degli interventi con i quali il Governo sta intervenendo su tutta la complessa situazione generatasi in questo periodo, ed in conformità con le istanze espresse dal Presidente del CONI nella lettera agli EPS del 12/03/2020, chiediamo quindi di sostenere queste nostre richieste, per favorire una fattiva ripresa delle attività delle nostre associazioni e dei nostri livelli organizzativi territoriali.

Rimaniamo a disposizione per ogni forma di collaborazione che il Ministero ed il CONI sotto la Vs. responsabilità, volessero intraprendere al fine per superare questo difficile momento che coinvolge l’intero Paese.

Nel ringraziarVi dell’attenzione e del Vs. quotidiano impegno per il mondo dello Sport e dei giovani, l’occasione è lieta per porgere distinti saluti

Roma lì, 16.03.20200

 

                                                                                                                                                                                                                                                       Il Presidente Nazionale

                                                                                                                                                                                                                                                          (Avv. Ciro Bisogno)

lettera PGS_covid_19 – Richiesta interventi